Categoria: News

Il 10 maggio 2018 le Regioni hanno dato il loro assenso (Accordo CSR 108/2018) al documento predisposto da SIMM, INMP e ISS "I controlli alla frontiera. La frontiera dei controlli. Controlli sanitari all’arrivo e percorsi di tutela per i migranti ospiti nei centri di accoglienza" a condizione che le linee guida non interferiscano sui modelli organizzativi delle Regioni e delle Province autonome e non apportino alcun impatto economico. Il fenomeno migratorio è per il sistema sanitario un banco di prova su cui misurare la capacità di dare risposte efficaci ai bisogni di salute emergenti. “Risposte che implicano - sottolinea l'Accordo - la possibilità di gestire organicamente le criticità con un approccio di sistema che superi la parcellizzazione e l'estemporaneità delle soluzioni per approdare a modalità assistenziali e pratiche di sanità pubblica, per quanto possibile, standardizzate, appropriate, efficienti e basate sulle evidenze scientifiche”.

La linea guida offre ai decisori, agli enti gestori dei centri di accoglienza e agli operatori sociosanitari raccomandazioni evidence-based sui controlli sanitari su migranti e profughi che chiedono protezione internazionale, al momento dell’arrivo in Italia e durante le fasi di accoglienza. Il documento è orientato lungo tre direttrici principali:

  • promuovere l’appropriatezza clinica e organizzativa, all’interno di percorsi sperimentati come validi ed efficaci;
  • evitare sprechi legati all’effettuazione di accertamenti inutili o inutilmente ripetuti;
  • evitare/ridimensionare le pratiche difensive, sostenute da eventuali ingiustificati allarmismi.

E’ stato adottato un approccio modulato e progressivo – sulla base delle prove di efficacia, delle valutazioni dei professionisti coinvolti e delle opportunità offerte – che va dalla valutazione iniziale in fase di soccorso, alla visita medica completa in fase di prima accoglienza, fino alla presa in carico vera e propria in fase di seconda accoglienza.

Nella linea guida non si affronta il tema della salute mentale dei migranti, trattato nel documento “Linee guida per la programmazione degli interventi di assistenza e riabilitazione nonché per il trattamento dei disturbi psichici dei titolari dello status di rifugiato e dello status di protezione sussidiaria che hanno subito torture, stupri o altre forme gravi di violenza psicologica, fisica o sessuale”, pubblicato dal ministero della Salute a maggio 2017.

Infine, rispetto al tema della determinazione dell’età dei minori stranieri, vale ciò che è scritto nel documento della Conferenza delle Regioni “Protocollo per l’identificazione e per l’accertamento olistico multidisciplinare dell’età dei minori non accompagnati”.

Commenti (0) Visualizzazioni:: 192

Categoria: News

Nel gennaio 2018, il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR) ha pubblicato un dossier dal titolo “Tutela della salute dei migranti” che si prefigge di ricomporre uno sguardo d’insieme e contestualmente specifico di ciò che nell’anno 2017 è stato prodotto e realizzato, a partire dal livello normativo, in materia di tutela della salute dei migranti. In 23 pagine sono richiamate le novità normative (LEA, ticket) e le principali Linee guida e Rapporti. Il dossier si conclude con 4 buone prassi (Regione Umbria e Regione Marche; gli SPRAR di Lodi e di Rimini) e con un box che richiama l’esperienza territoriale del GrIS Lazio.

2018. SPRAR “Tutela della salute dei migranti” (link)

Commenti (0) Visualizzazioni:: 1363

Categoria: News

Con l'aumento dei flussi migratori in Italia si assiste ad un incremento di donne provenienti da Paesi ad alto rischio di pratica delle Mutilazioni Genitali femminili. Oltre a questa forma di violenza le donne in fuga da zone di conflitto e/o per motivi economici, spesso hanno subito violenza psicologica, fisica, sessuale, matrimoni precoci o pratiche discriminatorie e lesive legate all'onore sia prima del viaggio che nel transito o dopo lo sbarco in Italia. Tutte queste forme di violenza sono definite ed incluse nella Convenzione di Istanbul che richiama ogni Stato a prevenire, a proteggere e prendere in carico chi le subisce, nonché a perseguire chi le pratica. Il Governo italiano, attraverso il Dipartimento per le Pari Opportunità, da anni promuove e sostiene diverse azioni di contrasto al fenomeno delle MGF ed altre forme di violenza.

Tra le strategie messe in atto ha incaricato, attraverso un bando pubblico, le associazioni della Società Civile PARSEC, Trama di Terra, il Centro di Riferimento Regionale dell' AO S. Camillo Forlanini e l'Università Bicocca di Milano che da anni lavorano in questo ambito, ad elaborare le linee Guida (ndr: più propriamente sono indicazioni operative) per l'individuazione delle donne sottoposte a MGF o altre pratiche dannose. Il documento è stato pubblicato il 22 dicembre 2017.

L'obiettivo di questo documento consiste nel fornire delle indicazioni agli operatori dei Cpsa (Centri di primo soccorso e accoglienza), Cda (centri di accoglienza) e dei Cara (centri di accoglienza per richiedenti asilo), sul modo in cui ci si debba comportare di fronte a presunte vittime di MGF, matrimoni forzati o altre pratiche dannose, e su come assicurare il loro accesso alla protezione internazionale per ragioni legate alla violenza subita.

Commenti (0) Visualizzazioni:: 912

Hai trovato errori o refusi ti invitiamo a segnalarli al seguente link