GrIS Calabria

Il GrIS Calabria è attivo dal XXX XXXXXX (Descrizione generale del GrIS)

   

 

 
 
 
 
 
Anno costituzione: 2012
Referente 2016-2020: Lorenzo Surace
Contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Regolamento
 

 

Opera a tutela del diritto alla salute degli immigrati

di padre Bruno Mioli (Migrantes Regione Calabria)

 

L’atto di nascita sarà stilato probabilmente in ottobre, ma questa nuova creatura, che ha già visto la luce da diversi anni in dodici regioni d’Italia, è stata concepita anche in Calabria venerdì scoro, 15 giugno, nel salone della parrocchia S. Agostino per spontanea iniziativa di un gruppo di medici e avvocati di Reggio Calabria, Cosenza e Catanzaro, assieme ad operatori del Centro di Ascolto “Scalabrini”. Ma la prima idea di dar vita a questo gruppo risale all’8 marzo nel convegno promosso a Reggio dal Centro Diocesano Migrantes sul tema: “Coordinamento e collaborazione tra i servizi ecclesiali per gli immigrati”. In quel convegno tra i molteplici interventi è stato particolarmente incisivo quello di una ginecologa la quale con voce vibrante ha presentato il caso  di giovani donne romene in stato di indigenza e non iscritte al Servizio sanitario nazionale, che si presentano al consultorio familiare diocesano per un qualche controllo sul loro stato di gravidanza anche avanzata, controllo che dalle strutture pubbliche viene loro negato, come viene negato in farmacia anche il più elementare farmaco, se non si sborsa l’importo di propria tasca.

Che fare? Si dovrà fatalmente affrontare una maternità rischiosa, a meno che non si riesca a far ricorso a un centro di solidarietà pronto a far opera di buon samaritano? Per dare risposta ha ripreso la parola in sede di convegno uno dei relatori, il dott. Mario Affronti di Palermo, il quale con voce altrettanto vibrante ha premesso che non si deve dare a titolo di carità ciò che è dovuto per giustizia, in nome della legge. Il diritto alla salute c’è per tutti, anche per gli stranieri, qualunque sia la loro condizione giuridica, regolari o irregolari, extracomunitari o comunitari. E a tutelare questo diritto ci pensa proprio il GrIS, il Gruppo Immigrazione e Salute. Certo, il GrIS non è una bacchetta magica, è però una “sentinella vigilante”; o, meglio, è un manipolo di sentinelle, di professionisti in campo sanitario e legale, che fanno conoscere e fanno rispettare la legge, e lo fanno già con intervento tempestivo ed efficace in tante regioni d’Italia; per ora purtroppo non in tutte. Fra le assenti all’appello c’è anche la Calabria. Dovrà continuare così o possono cambiare le cose? Dipende da noi, è stata la risposta.

 

Ma torniamo alla legge: che dice in proposito la normativa italiana in fatto di salute per gli stranieri? Partiamo dal testo di massima autorevolezza, la Costituzione. L’articolo 32 recita: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività e garantisce cure gratuite agli indigenti”. E’ quanto ci basta: si parla non del “cittadino italiano” ma “dell’individuo” cioè della persona umana come fonte di diritti fondamentali, inderogabili come quello della salute. Un sacrosanto diritto per tutti, anche se stranieri. Questo dettato costituzionale è stato tradotto in legge ordinaria dal Testo Unico sull’immigrazione del 1998; un testo che, sulla tutela della salute, è molto esplicito e non è stato alterato dalle modifiche e storpiature della successiva legge Bossi-Fini del 2002. All’articolo 34 si prescrive che gli stranieri regolarmente soggiornanti possono e devono iscriversi al Servizio Sanitario Nazionale e godere pertanto di “piena uguaglianza di diritti e doveri rispetto ai cittadini italiani”. Questo per i regolari; ma quale la sorte degli irregolari, dei cosiddetti clandestini? Risponde l’articolo seguente: “Ai cittadini stranieri, presenti sul territorio nazionale, non in regola  con le norme relative all’ingresso e al soggiorno, sono assicurate… le cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti o comunque essenziali, ancorché continuative, per malattia ed infortunio e sono estesi i programmi di medicina preventiva a salvaguardia della salute personale e collettiva”. L’articolo prosegue specificando in dettaglio di che si tratta: per l’irregolare è aperto non solo il pronto soccorso, ma l’ambulatorio, l’ospedale, la farmacia come per i cittadini italiani; se non ha risorse, questa prestazione sanitaria non gli viene negata; e non viene fatto “alcun tipo di segnalazione all’autorità”, ossia alla pubblica sicurezza. A questo straniero viene consegnato un tesserino sanitario, denominato STP (Straniero Temporaneamente Presente), rinnovabile ogni sei mesi.

E’ un sistema che, grazie a Dio e alla sensibilità di tanti operatori sanitari, funziona con discreta soddisfazione, benché non sempre ed ovunque. Di qui il ruolo importante di una sentinella vigilante qual è il GrIS, il cui intervento si è reso più provvido e urgente negli ultimi anni, esattamente dal 2007, quando Bulgaria e Romania sono entrate nell’Unione Europea. Che cosa è successo in quell’anno? I Bulgari e i Romeni, allo stesso modo di altri cittadini della ex-area comunista come la Polonia, sono rimasti privi dell’STP, proprio per il fatto di essere cittadini europei; il tesserino STP infatti è stato concepito per i cittadini “extracomunitari”. Una cosa assurda, perché l’ingresso nell’Unione anziché una promozione per tanti è diventato una penalizzazione, a dispetto della legge che estende a tutti la tutela della salute.

E non tratta di fatti sporadici. Gli ultimi dati dicono che gli immigrati romeni in Italia hanno oltrepassato il milione di presenze e molti di loro, soprattutto per il fatto di essere sprovvisti di un lavoro regolare, non possono essere inseriti nel Servizio Sanitario Nazionale. Provvidenzialmente per loro in alcune regioni è stato introdotto altro tesserino sanitario, parallelo all’STP, denominato ENI (Europeo Non Iscritto). E’ questo un nuovo campo di battaglia per il GrIS, impegnato ad estendere a livello nazionale questa provvidenza conforme allo spirito e alla lettera della legge.

Nel citato convegno dell’8 marzo è diventata esplicita la volontà comune di agire, e tempestivamente, perché il GrIS nasca e diventi operante anche il Calabria; si sono pronunciati in favore anche i rappresentanti della Caritas e della Pastorale della salute diocesani, presenti al convegno. In un successivo incontro del 26 marzo a Lamezia Terme questo comune proposito da diocesano è diventato regionale, essendo stato assunto dai Direttori regionali dei due predetti organismi ecclesiali assieme al Direttore regionale della Migrantes. Sia ben inteso che il GrIS è una istituzione laica, fatta di professionisti altamente qualificati; non spetta a realtà ecclesiali prenderne la direzione; entra però nelle loro competenze sollecitare e favorire questa benemerita istituzione, che risponde alle esigenze di una autentica promozione umana.

Decisivo è stato l’incontro del 15 giugno a Reggio, con la presenza dei due massimi esponenti del GrIS, il sopra menzionato dott. Mario Affronti e il dott. Salvatore Geraci di Roma: la trentina di operatori del settore sanitario, giuridico e assistenziale ha concordemente deciso di dare vita al GrIS di Calabria e si guarda al prossimo ottobre come al mese decisivo perché la sua istituzione venga ufficialmente formalizzata.

Care socie e soci della S.I.M.M.,

quasi ogni giorno accadono fatti che, in qualche modo, ci interrogano come comunità scientifica, sociale e culturale impegnata nel riconoscimento della dignità di tutte le persone, con particolare riferimento alla salute dei migranti.

Alcuni di questi accadimenti, spesso drammatici, si caricano anche di una valenza simbolica che, crediamo, richiami le questioni più radicali (cioè alla radice) dei nostri valori di riferimento e della nostra convivenza.

Siamo convinti che il ‘caso Mimmo Lucano’ sia uno di questi. Dopo esserci presi qualche giorno per avere il tempo di approfondire quanto è collegato alla sentenza che il Tribunale di Locri ha emesso il 30 settembre scorso (in particolare attraverso la lettura dell’ultimo numero del settimanale ‘Internazionale’ dell’8/14 ottobre) ed esserci confrontati, abbiamo deciso di scrivervi per comunicarvi – e condividere – quanto ci sembra di percepire.

Non è evidentemente nostra intenzione entrare nel merito tecnico-giuridico dei reati imputati a quello che in anni passati abbiamo conosciuto come il coraggioso sindaco di Riace (ruolo che ha ricoperto dal 2004 al 2018), in quanto non ne saremmo competenti e devierebbe dal focus della nostra riflessione. Per chi non avesse avuto modo di prenderne nota (e comunque in attesa di poter conoscere le motivazioni della sentenza quando verrà depositata) ci limiteremo ad elencarli: associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione irregolare; abuso d’ufficio; truffa; concussione; peculato; turbativa d’asta; falso ideologico. Ciò gli è valso una condanna a tredici anni e due mesi di carcere (una pena doppia rispetto a quella richiesta dall’accusa), nonché l’imposizione di restituire 500.000 € di fondi europei (su quest’ultimo aspetto, non indifferente, desideriamo sottolineare che altre precedenti sentenze - e la stessa ultima Procura che lo ha giudicato - avevano escluso l’acquisizione da parte del sindaco di un vantaggio personale e che in un recente articolo si riferiva del fatto che sul suo conto bancario fossero depositati ben 9 euro!). Il nostro amico dell’ASGI Gianfranco Schiavone ha commentato come in questa sentenza vi sia una sovrapposizione tra il piano degli illeciti amministrativi e di quelli penali e, come altri, ha fatto notare che la pena inflitta a Lucano sia simile a quella comminata a Salvatore Buzzi e Massimo Carminati (i due protagonisti dello scandalo che ha travolto nel 2014 il sistema di accoglienza e protezione a Roma), per i quali lo scopo di lucro era innegabile; altri commentatori, invece, a sottolineare l’abnormità della pena (frutto di una somma aritmetica dei reati), hanno ricordato la minor entità di quella inflitta a Luca Traini, l’uomo che nel febbraio 2018, a Macerata, sparò a sei migranti presi a caso ferendoli, cioè dodici anni.

Sorvoleremo anche sui tanti dubbi relativi alle anomalie dell’indagine con riferimento all’uso indiscriminato delle intercettazioni, alla inesattezza delle loro trascrizioni, alla ritrattazione di testimoni chiave e all’aver ignorato le precedenti sentenze, rimandando al bell’articolo di Annalisa Camilli sul già citato numero di Internazionale.

Non stiamo evidentemente escludendo e negando - come non lo ha fatto lo stesso protagonista della vicenda Mimmo Lucano in numerose occasioni di interviste, rivendicandone in qualche modo la giustificazione morale - che, stante a quanto emerso, nell’organizzare l’accoglienza dei migranti a Riace, come reazione ai ritardi e alle inadempienze dell’amministrazione centrale siano state effettivamente compiute delle ‘forzature’ che si configurano come degli illeciti amministrativi; illeciti di cui lo stesso TAR (ed anche il Consiglio di Stato) avevano già riconosciuto le ‘ragioni’, posto che il TAR aveva scritto che Riace stava svolgendo un ruolo positivo con “riconosciuti e innegabili meriti che hanno un ruolo decisivo nel ritenere superate (e non penalizzanti) le criticità”.

Ciò che invece ci preme condividere con voi è la pericolosità dell’effetto - e del messaggio socio-politico-culturale che lo accompagna - che sembra essere stato generato dalla inaudita sproporzione della pena prevista da questa sentenza. Un effetto, non sapremmo dire se politicamente cercato ma sicuramente prodotto, che riassumeremmo come lo scoraggiamento della solidarietà attraverso una sorta di ‘demolizione giuridica’ di quello che è stato definito il ‘modello Riace’ (modello che ha ispirato altre positive esperienze sia in Italia che all’estero). Un modello nato per caso - l’improvviso sbarco sulla spiaggia di una nave di curdi nel 1998 - e le successive manifestazioni di solidarietà locale, ben rappresentate dall’osservazione del giovane immigrato Hassan quando disse ”Questo è un paese di case senza gente, noi siamo gente senza case”. Un modello che come S.I.M.M. abbiamo sempre ammirato e desiderato fosse riprodotto, adattandolo, in tanti altri contesti del nostro Paese nel segno di una accoglienza diffusa e di un riconoscimento dei valori e delle risorse portati dalle persone migranti. Crediamo che questa sentenza non possa che aver suscitato, in tanti amministratori e amministratrici italiani che, in grave carenza di risorse e gravati da continui vincoli amministrativo-burocratici, si sforzano di trovare comunque soluzione a drammatiche contingenze umanitarie coinvolgendo le proprie comunità, un pesante monito a continuare ad agire, oltre che un ulteriore motivo di preoccupazione personale. Ma temiamo che questo messaggio negativo, diremmo quasi paralizzante, possa essere recepito anche dalla società civile, financo dalle persone che sono impegnate sui diversi fronti dei diritti umani. Che si possa realmente rischiare di accettare una ‘narrazione’ capace di disegnare una parabola che trasforma un uomo/sindaco sensibile e accogliente nel capo di un sistema criminale che, attraverso una serie di truffe, ha lucrato sull’accoglienza ai migranti.

Lo smarrimento e la desolazione manifestati da Lucano dopo la lettura della sentenza sono vividamente rappresentati dalle sue parole che aprono l’articolo di Annalisa Camilli: “Ho speso la vita contro le mafie, mi sono schierato a fianco degli ultimi, degli immigrati. Oggi devo prendere atto che ho perso tutto”.

Ecco, crediamo che le donne e gli uomini che sono attivi nella S.I.M.M. non possano non cercare una reazione comune, organizzata, a queste parole di umano sconforto, dette da un uomo da tutti considerato semplice, diretto, come è Mimmo Lucano, anche nel caso che abbia sbagliato. Alcuni di noi possono testimoniare personalmente questa profonda impressione di autenticità e di ingenua concretezza che Lucano trasmette, avendo avuto l’occasione di ascoltarlo o conoscerlo da vicino.

Cosa possiamo fare, quindi, come S.I.M.M.? Valutiamolo insieme, ma diremmo che non possiamo non partire da un rafforzamento condiviso dei nostri valori comuni, delle motivazioni che sostanziano ogni nostra attività e iniziativa. Nel riconoscerci, ancora una volta, parte di quella società umana che, quando si configura un conflitto etico tra ‘legge’ e ‘giustizia’ (si pensi, tra gli altri, ai casi storici del processo a Danilo Dolci, difeso da Piero Calamandrei, o a quello di Pietro Pinna, primo obiettore di coscienza al servizio militare, ‘difeso’ da Padre Ernesto Balducci), sta dalla parte della giustizia (o, per dirla con una citazione evangelica, ritiene che “la legge è stata fatta per l’uomo” e non viceversa). Nel trasmettere a Mimmo Lucano, e a tutti coloro che lo hanno accompagnato e supportato in questi anni (ricordiamo che nello stesso processo ‘Xenia’ altre ventidue persone sono state condannate) la nostra solidarietà e nell’immaginare insieme anche azioni concrete per dimostrarla, come ad esempio l’acquisto in massa del libro pubblicato da Lucano nel 2020 per Feltrinelli ‘Il fuorilegge’ (titolo che, alla luce di quanto detto finora, sembra da intendersi nel senso di ‘fatto fuori, espulso, dalla legge’).

Come non condividere, sul piano morale, le parole degli avvocati difensori Giuliano Pisapia e Andrea Daqua che avevano chiesto l’assoluzione piena di Lucano perché “capace di onorare la Costituzione” mentre lo Stato “si è dimostrato incapace di farlo” ?

Ci è venuto alla mente quando, nel nostro Congresso del 2014 ad Agrigento, parlammo di equità e responsabilità, ricordando la seguente epichéia di Aristotele:

«L’equo sembra essere giusto, ma esso è il giusto che va oltre la legge scritta. Ciò avviene in parte per volere dei legislatori, in parte non per loro volere: il secondo caso è quando sfugge loro qualcosa, il primo quando essi non possano prescrivere esattamente, ma sia necessario dare una formula generale, che non vale universalmente, ma solo per lo più [...] Essere equi significa essere indulgenti verso i casi umani, cioè badare non alla legge, ma al legislatore, e non alla lettera della legge, ma allo spirito del legislatore; e non all’azione ma al proponimento, e non alla parte ma al tutto, e non a come è ora l’imputato, ma come è stato sempre o per lo più». (Aristotele, Retorica I, 1374 a-b).

 Non rassegniamoci, non smettiamo di cercare di orientare la società verso tutto ciò che la rende più umana!
10 ottobre 2021

Maurizio Marceca, Mario Affronti, Salvatore Geraci e Marco Mazzetti

Leggi tutto...

Hai trovato errori o refusi ti invitiamo a segnalarli al seguente link