Categoria: News

Tra gennaio e agosto 2008 sono sbarcati sulle coste italiane 20.271 cittadini stranieri, quasi 8mila in più rispetto al 2007. Consistente anche il numero di persone che hanno presentato richiesta di asilo: nei primi 4 mesi sono state 5.287, rispetto ai 2.839 dello stesso periodo dello scorso anno. Sono i dati diffusi dal Consiglio italiano per i rifugiati (Cir) ed elaborati dalla Commissione Nazionale Asilo e dall’Alto Commissariato ONU per i Rifugiati.

(Fonte: http://www.programmaintegra.it/modules/news/article.php?storyid=3299&nid=38)

Commenti (0) Visualizzazioni:: 239

Categoria: News

Pensata sia per chi deve ancora arrivare in Italia sia per chi già vi si trova, la nuova guida aggiornata "Immigrazione come, dove, quando" offre indicazioni che spaziano dai contratti di lavoro all'iscrizione dei figli a scuola, dall'assistenza sanitaria all'apertura di un conto corrente in banca. Anche i datori di lavoro, italiani e stranieri, possono trovare qui indicazioni utili ad accompagnare il lavoratore nel suo percorso d'integrazione.
(fonte:
http://www.programmaintegra.it/modules/news/article.php?storyid=3331&nid=38)

Commenti (0) Visualizzazioni:: 254

Categoria: News

Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ha predisposto, con la Federazione Italiana dei Medici Pediatri, un Protocollo d’intesa per una maggiore tutela della salute dell’infanzia riguardo la problematica della circoncisione rituale clandestina. L’accordo prevede un monitoraggio del fenomeno attraverso una adeguata informazione nei punti nascita, negli ambulatori dei pediatri ed in ogni altra struttura interessata con la promozione di campagne di comunicazione e counselling alle famiglie che sono orientate all’intervento. I Pediatri di Famiglia ed i Pediatri dei Pronto Soccorso esporranno un poster per fornire alle persone interessate informazioni circa le corrette procedure chirurgiche e le indicazioni delle strutture del servizio sanitario a cui rivolgersi.

La vigente legislazione sanitaria sui servizi e sulle prestazioni che devono essere garantite dal Sevizio Sanitario Nazionale indica la “circoncisione rituale maschile” tra le “Prestazioni totalmente escluse dai LEA”.
Gli ospedali pubblici sono tenuti comunque a praticare tutti gli interventi diagnostici e terapeutici utili a fini di tutela della salute e particolarmente in condizioni di urgenza, sono quindi obbligati a intervenire anche per ovviare a esiti nefasti di interventi di circoncisione comunque e dovunque praticati.
Alcune Regioni italiane (Piemonte, Liguria, Friuli Venezia Giulia) nella loro autonomia hanno previsto lo stanziamento di fondi a favore di progetti per certo numero di interventi gratuiti di circoncisione da effettuarsi su bambini figli di immigrati residenti, che ne facciano richiesta.
(Fonte: http://www.ministerosalute.it/dettaglio/phPrimoPianoNew.jsp?id=185)

  • Delibera Friuli Venezia Giulia 1754 del 4 settembre 2008
  • Allegato alla Delibera del Friuli Venezia Giulia
Commenti (0) Visualizzazioni:: 352

Hai trovato errori o refusi ti invitiamo a segnalarli al seguente link