Categoria: News

Da oltre un anno la SIMM, insieme a varie organizzazioni, si sta impegnando nel chiedere una ridefinizione dei criteri di esenzione dal ticket per alcune fasce di popolazione particolarmente deboli: inoccupati stranieri e italiani, minori stranieri non accompagnati, minori figli di STP iscritti al SSR, ENI in condizione di fragilità sociale, comunitari e non in condizione di protezione sociale, e, in particolare, richiedenti protezione internazionale e rifugiati.

Leggi Tutto Commenti (3) Visualizzazioni:: 1108

Categoria: News

L’anno che si è appena concluso sarà ricordato in particolare per oltre il milione di persone in fuga “dentro” l’Europa: 1.007.716 quelle arrivate via mare secondo l’UNHCR, 17% donne e il 25% bambini, e di questi oltre 850.000 sbarcati in Grecia. Lo ricorderemo anche per i quasi 3.800 morti nel tentativo di attraversare il Mediterraneo (circa 5.300 morti lungo le “vie di fuga” in tutto il mondo!!!); in particolare, di coloro che sono morti nel mare Egeo (quasi 800), il 25% erano bambini e il 5% aveva meno di due anni!!!!. In Italia il 2015 è l’anno dei 153.842 arrivati (14% donne, 11% minori) in 934 sbarchi (le persone sbarcate nel 2015 sono il 9% in meno rispetto al 2014; in totale 323.942 persone negli ultimi due anni) e di 103.972 accolti (tra tante polemiche e difficoltà) nelle diverse strutture d’accoglienza italiane: nei centri governativi 7.394 (CARA, CDA e CPSA), 76.683 nelle strutture temporanee (attivate dalle Prefetture) e 19.715 nella rete SPRAR (dati Ministero Interni al 31.12.2015). Il 13% delle persone accolte è in Lombardia, il 12% in Sicilia, l’8% per ciascuna delle regioni Lazio, Piemonte, Veneto e Campania; il 7% in Toscana e il 6% in Emilia-Romagna e Puglia. I minori non accompagnati accolti sono circa 11.000 (circa l’86% ha più di 16 anni). Le domande di protezione internazionale esaminate nel 2015, al 22 dicembre, sono state 66.266 (83% sulle domande presentate) e ne sono state accolte il 42% (5% status rifugiato, 15% protezione sussidiaria, 22% motivi umanitari). Gli “sbarcati” sono meno del 2,8% degli stranieri presenti in Italia (dati inizio 2015) che sono, 5.015.000 secondo l’Istat (residenti), 5.420.000 secondo l’Idos (residenti e regolarmente presenti), 5.800.000 secondo la stima dell’Ismu (realmente presenti); complessivamente gli stranieri sono intorno all’8,2% (Istat) – 9,5% (Ismu) sul totale dei residenti in Italia.

Leggi Tutto Commenti (0) Visualizzazioni:: 1097

Categoria: News

Durante una recente visita in Grecia, il Commissario Andriukaitis ha presentato alle autorità greche e alle ONG, il "Personal Health Record" (PHR). Il documento, preparato dalla Commissione insieme con l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM), sarà reso disponibile presso gli hotspot (in inglese/arabo), per valutare le esigenze mediche dei migranti e aiutare a ricostruire la loro storia medica. Il PHR è accompagnato da un manuale (italiano, inglese, bulgaro, croato, francese, tedesco, ungherese, rumeno e sloveno) per essere utilizzato da professionisti del settore sanitario dei vari Stati membri. Il testo è considerato provvisorio e sarà validato all’OIM presso gli hotspot greci ma altri Stati o organizzazioni potranno contribuire alla convalida. Il PHR si propone di aiutare a ricostruire la storia medica dei profughi e rilevare i bisogni immediati nei centri di accoglienza. L'obiettivo è quello di creare uno strumento che supporti e faciliti il lavoro dei medici ed operatori sanitari in contatto con i richiedenti protezione internazionale negli Stati membri interessati. Questo documento aiuterà a capire la storia medica del paziente ed evitare di ripetere domande, anamnesi e analisi, e potrebbe essere anche per registrare i farmaci presi per le malattie croniche, o una storia vaccinale. L'uso di uno strumento unificato, indipendentemente dal punto di ingresso o di soggiorno al momento della valutazione (hotspot, centri di accoglienza o di registrazione, strutture sanitarie, etc.) potrebbe facilitare il transito della persona nei diversi paesi, fino alla destinazione finale. L'utilizzo del PHR non è obbligatorio; esso è di proprietà del richiedente che può esibirlo, qualora lo ritenesse opportuno, al personale sanitario e non è stato progettato per lo screening delle malattie trasmissibili o per le valutazioni di emergenza.

Commenti (0) Visualizzazioni:: 304

Hai trovato errori o refusi ti invitiamo a segnalarli al seguente link