Categoria: News

 

I termini per partecipare alla Consultazione pubblica sono scaduti.

La linea guida “I CONTROLLI ALLA FRONTIERA. LA FRONTIERA DEI CONTROLLI. Controlli sanitari all’arrivo e percorsi di tutela sanitaria per i migranti ospiti presso i centri di accoglienza”, prodotta da INMP, ISS e S.I.M.M., è disponibile in versione bozza per la consultazione pubblica. Il documento, scaricabile a seguito della compilazione di una breve form di registrazione, rimarrà disponibile fino al 16 giugno 2017. Tutti i soggetti interessati potranno contribuire attraverso osservazioni, commenti e proposte di modifica, secondo la procedura di seguito descritta.

Istruzioni per partecipare alla revisione aperta

1. Cliccare su “Scarica la Linea Guida” (http://elearning.inmp.it/fad/form/consultazione_LG1/ ) e compilare il form per il download del documento: si riceveranno sulla casella di posta indicata le credenziali di accesso alla piattaforma INMP.

Modalità per inviare il proprio contributo:

2. Accedere alla piattaforma INMP all’indirizzo http://elearning.inmp.it/fad utilizzando le credenziali precedentemente ricevute (si consiglia di utilizzare preferibilmente i browser Chrome o Mozilla Firefox per usufruire di tutte le funzionalità dell’applicazione).

3. Nell’area dedicata alla Linea Guida, cliccare su “Scheda per la revisione aperta della Linea Guida”: si visualizzerà l’ambiente per la raccolta delle osservazioni.

4. Cliccare sul pannello “Inserisci” e compilare la scheda.

Verranno prese in considerazione solo le osservazioni inviate attraverso la piattaforma INMP; non saranno accettate osservazioni inviate direttamente via email.

La fase di consultazione pubblica avrà una durata di 3 settimane dalla data di pubblicazione del documento e terminerà, quindi, il 16 giungo 2017. Le osservazioni che arriveranno dopo questa data non saranno prese in considerazione.

Verranno prese in considerazione solo le osservazioni che contengono un chiaro riferimento alla Linea Guida, con l’indicazione della pagina e delle righe del documento, e i riferimenti bibliografici a supporto delle osservazioni stesse.

NOTA BENE: Il panel e gli autori della Linea Guida valuteranno le osservazioni e le proposte di modifica pervenute e decideranno in autonomia la loro eventuale adozione nella versione finale della Linea Guida. Inoltre, gli autori si riservano il diritto di modificare i contributi ricevuti e ritenuti adeguati, sintetizzandoli e rendendoli omogenei al testo del documento.

Commenti (0) Visualizzazioni:: 559

Categoria: News

Il 7 aprile si terrà la seconda giornata europea contro la commercializzazione della salute e la privatizzazione della sanità (http://www.reseau-sante-europe.net/spip.php?article154). In Italia come in tutta Europa, infatti, sono in atto da tempo politiche più o meno esplicite che minano i sistemi di welfare di stampo universalista, aprendo al contempo lo spazio della salute agli investimenti di assicurazioni ed erogatori privati.

La SIMM, da sempre schierata a sostegno del Servizio Sanitario Nazionale, ha sottoscritto l'appello e aderito alla mobilitazione anche in ragione del fatto che le prime persone a soffrire dei processi di esclusione esacerbati dalla privatizzazione sono le persone con meno tutele e difese, tra cui gli immigrati.

Si tratta di un'occasione importante per affermare pubblicamente che la scelta più efficace ed equa per tutelare la salute di tutte e tutti è quella di un servizio sanitario nazionale pubblico e universalistico. Non mancano le evidenze, quello che serve è una presa di posizione forte e unitaria per invertire la rotta delle politiche.

Tutte le persone socie della SIMM sono invitate a sottoscrivere l'appello e a partecipare alle iniziative in costruzione nei territori (vedi qui l'elenco degli eventi in programma). L'invito è anche a mostrare la propria adesione appendendo un lenzuolo alla finestra della propria casa o luogo di lavoro, con le parole chiave della mobilitazione.

 

Sito: www.setteaprile.altervista.org
Facebook: https://www.facebook.com/events/1846375928952831/

Commenti (0) Visualizzazioni:: 619

Categoria: News

Insieme ad altre 70 organizzazioni non governative, la SIMM firma la lettera indirizzata ai capi di Stato e ai decisori politici europei che esprime profonda preoccupazione per la direzione delle politiche tra l’Unione Europea e la Libia.

Con la firma del Memorandum con il Governo di Riconciliazione Nazionale dello Stato di Libia, l’Italia, si impegna a fornire strumenti e sostegno, sia economico che militare, per l’intercettazione dei migranti in viaggio e il loro ritorno in Libia, un paese che di fatto non ha ratificato le più fondamentali convenzioni in materia di diritti d’ asilo e di rispetto dei diritti umani. “Il governo sostenuto dalle Nazioni Unite a Tripoli controlla il potere in misura molto limitata e precaria, e compete con un gran numero di altri attori. L’Unione Europea stessa descrive la Libia come un territorio ‘pericoloso’, e una sistematica violenza nei confronti di migranti e rifugiati è stata ampiamente documentata”. 

Si chiede, pertanto, di:

  • “Facilitare la mobilità sicura con l'apertura e il rafforzamento di canali sicuri e regolari in Europa per rifugiati e migranti […],
  • Rivedere il piano delineato dal Vertice di Malta per assicurarsi che le misure di tutela dei diritti umani e di rispetto del diritto internazionale siano in atto […],
  • Garantire che le politiche di gestione delle frontiere dell'UE proteggano le persone e i loro diritti, e non abbiano lo scopo di fermare i movimenti migratori […],
  • Portare alla luce prove di violazioni dei diritti umani in Libia […],
  • Valutare accuratamente la situazione dei diritti umani dei migranti e i rischi che devono affrontare in Libia […],
  • Mettere in atto misure specifiche per identificare e proteggere i gruppi vulnerabili […].”

La SIMM esprime fortemente la sua disapprovazione verso la politica degli accordi con i Paesi terzi del Governo Italiano e dell’Unione Europea che mira a sbarrare le frontiere, respingendo i migranti al di là dei confini dell’Europa ‘dei diritti’.
La SIMM ritiene necessario invertire la traiettoria, impegnarsi affinché sia effettivamente riconosciuto e sia realmente accessibile il diritto d’asilo, come paradigma di rispetto delle dignità e delle libertà di ciascun essere umano.

Commenti (0) Visualizzazioni:: 459

Hai trovato errori o refusi ti invitiamo a segnalarli al seguente link