Categoria: News

Con grande tristezza condivido una notizia che mi riempie di dolore: è morta, nella sua casa a Roma, l’amica e collega Maria Edoarda Trillò. Sono certo di condividere con molti di voi il senso di vuoto, lo spaesamento, l’incredulità e forse la rabbia per questa prematura morte di Maria Edoarda. Ci siamo incontrati quasi 30 anni fa grazie al comune impegno per la salute degli immigrati e poi dei rom e da allora le nostre strade si sono incrociate sempre più spesso condividendo impegno professionale, una visione comune della politica sanitaria e più in genere del significato di Bene Comune ma anche una sincera e profonda amicizia. Maria Edoarda è stata per molti di noi l’esempio della coerenza istituzionale nel lavoro per una salute senza esclusioni, antesignana di una offerta attiva di cure e di prevenzione non teorica ma cercata e vissuta in prima persona, dell’impegno generoso e fiducioso, del credere nel lavoro di rete spesso sperimentando percorsi inaspettati (vedi l’intuizione comune ad un pugno di amici/colleghi di mettersi a lavorare insieme, con le proprie diversità e contraddizioni, in quello che sarebbe diventato il GrIS Lazio) ... Ci ha testimoniato entusiasmo e altruismo ma anche indignazione e decisione, ha coniugato inventiva e concretezza ...
Ti abbracciamo Maria Edoarda con la fierezza di averti scelta, poco meno di un mese fa, come portavoce del nostro GrIS. E continuerai ad esserlo con il ricordo della leggerezza del tuo sorriso e la forza delle tue convinzioni.

Salvatore Geraci a nome della SIMM e del GrIS Lazio

Commenti (0) Visualizzazioni:: 887

Categorie: News Formazione Eventi SiMM

 

Il 5 dicembre 2016 è organizzato a Firenze il corso di formazione "Minori stranieri non accompagnati: modelli di risposta integrata socio-sanitaria" dalla Società Italiana di Medicina delle Migrazioni S.I.M.M. e dal Centro Salute Globale, presso l'Azienda Ospedaliera Universitaria Meyer. Il corso si pone i seguenti obiettivi:

  • analizzare la complessità del fenomeno dei minori stranieri non accompagnati (MSNA), approfondendo le seguenti tematiche: i diritti di cui è portatore il minore straniero non accompagnato secondo la normativa nazionale e internazionale vigente; la regolarizzazione dello status giuridico del minore, nell’ottica di prevenire condizioni di rischio e debolezza; le misure di avvio del minore verso l’autonomia e l’inclusione nel tessuto sociale del territorio nell’ottica del suo superiore interesse;
  • individuare i modelli di approccio utili a costruire interventi capaci di “pensare le differenze”, sia in ambito sanitario e sociale sia educativo, con il fine di potenziare l'efficacia degli interventi stessi, promuovere la costruzione di alleanze con gli altri attori istituzionali del territorio coinvolti a vario titolo, favorire una presa in carico professionale e multidimensionale del minore per un’adeguata assistenza socio-psicologica e sanitaria dal momento della presa in carico e per tutto l’arco temporale dell’accoglienza;
  • conoscere la rete di soggetti che cooperano, con diversi approcci, all'accoglienza dei MSNA e all'organizzazione d’interventi socio-sanitari finalizzati al loro benessere e alla loro integrazione con particolare riferimento alle reti territoriali in un’ottica di sussidiarietà orizzontale.

La SIMM e il Centro di Salute Globale intendono, con questo evento, approfondire il tema dell'accesso al diritto alla salute da parte dei minori stranieri non accompagnati (MSNA) che è particolarmente delicato e cruciale soprattutto nei casi di dubbia minore età, considerato anche che nel corso degli ultimi anni si è assistito a un progressivo aumento dei minori stranieri non accompagnati presenti sul territorio nazionale e regionale. Si tratta infatti di ragazzi che affrontano il drammatico viaggio migratorio in assenza di adulti di riferimento e che fin dal momento dell’arrivo necessitano pertanto di un’accoglienza e di una presa in carico professionale e multidimensionale.

Sede: Azienda Ospedaliero Universitaria Meyer di Firenze, Aula Magna

Destinatari

Tutte le professioni sanitarie.

Altre figure professionali: quanti siano interessati alla tematica e a un approccio multidisciplinare

Numero massimo partecipanti: 30

Accreditamento ECM: 8,8 (Otto/8) crediti ECM per tutti i profili sanitari.

Le spese di viaggio e soggiorno sono a carico del partecipante.

 

MODALITA' DI ISCRIZIONE

La domanda può essere compilata online sul sito SIMM, entro il 01/12/2016.

Si intendono ammessi a partecipare solo coloro che ne riceveranno comunicazione (sono ammesse sostituzioni da parte dei partecipanti).

La partecipazione all’Evento è soggetta alla disponibilità di posti. Le iscrizioni saranno accettate in ordine cronologico fino al raggiungimento dei posti disponibili.

L’iscrizione si intende perfezionata con il pagamento della quota di partecipazione.

La quota di iscrizione all’Evento è di:

€ 45.00 (quarantacinque/00).

La quota comprende: attestato, materiale didattico e coffee break.

Nel caso di cancellazioni si avrà diritto al rimborso dell'importo versato. La disdetta da parte del partecipante dovrà pervenire alla segreteria Organizzativa e Scientifica dell’evento, tramite e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., entro il 30/11/2016. È possibile la sostituzione dell’iscritto con altro nominativo previa comunicazione entro lo stesso termine all’indirizzo sopra riportato.

Per ogni informazione attinente alla manifestazione, si prega di contattare la Segreteria Organizzativa e Scientifica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Categorie: News Altri eventi

Il congresso, che si terrà a Roma sabato 19 novembre presso la Pontificia Università Urbaniana con il patrocinio tra gli altri della SIMM, offrirà l’opportunità di fare il punto sulla situazione della salute mentale dei migranti e in particolare sulla promozione del loro benessere.

Ospiterà personaggi molto noti della psichiatria transculturale, come Joseba Achotegui (Barcellona) e Rachid Bennegadi (Parigi), e accanto ad alcuni interventi in plenaria, darà ampio spazio a confronti tra esperienze sul campo, centrate su fattori sociali e stress, diagnosi, interventi riabilitativi psicologici, psicosociali e comunitari. Il taglio molto pratico e operativo, su cui si confronteranno colleghi provenienti da molti paesi europei, da Stati Uniti e America Latina, può essere di grande interesse per noi, in questo momento di attenzione particolare, nel nostro paese, per la salute fisica e mentale di richiedenti asilo e rifugiati.

Hai trovato errori o refusi ti invitiamo a segnalarli al seguente link